GENTE CHE NON RISPONDE ALLE MAIL (MA PRETENDE CHE TU RISPONDA)

L’origine dell’universo è un grande mistero: il Big Bang è veramente l’inizio? Cos’è successo nei primi 10-43 secondi? Perché la materia ha prevalso sull’antimateria? Ma c’è un mistero ancora più grande: perché certe persone non rispondono alle mail? E un mistero anche più grande di questo: perché certe persone che non rispondono alle mail pretendono che tu risponda subito alle loro? Questo è decisamente un mistero più grande dell’origine dell’universo, perché, è vero, l’origine dell’universo è misteriosa, ma è una cosa lontana, successa miliardi di anni fa, in condizioni fisiche estreme, il vero mistero sarebbe se una cosa del genere non fosse misteriosa, invece l’esistenza di questa gente è un mistero che si produce qui, adesso, ogni giorno, sotto gli occhi increduli di tutti, ma soprattutto miei.
Uno si aspetterebbe che chi ha un modo di fare potenzialmente fastidioso, chiamiamolo pure “difetto”, sia poi indulgente verso chi ha il suo stesso difetto. Per esempio, io sono leggermente egotista, quindi non mi spazientisco quando mi trovo in compagnia di altri egotisti, anzi li ascolto con interesse e penso: “dunque è questo l’effetto che faccio? Strano, dall’interno sembra molto meglio”. Invece queste persone non rispondono alle tue mail, però esigono che tu risponda alle loro entro 10-43 secondi, altrimenti iniziano a tempestarti di altre mail, messaggi e telefonate in cui fanno largo uso della parola “urgente”. Perché lo fanno?
Non vorrei sembrare immodesto, ma credo di avere capito.
La cosa che bisogna sempre tenere a mente nei rapporti sociali è che uno tende a pensare che gli altri ragionino come lui: gli imbroglioni pensano che tutti vogliano imbrogliarli, i prepotenti che tutti vogliano schiacciarli, i bugiardi che tutti mentano, eccetera. Questo succede perché ognuno conosce direttamente solo le proprie motivazioni, mentre quelle degli altri può solo desumerle. Degli altri conosciamo direttamente solo le azioni e da queste desumiamo le motivazioni basandoci sul funzionamento della mente dell’unico essere umano che conosciamo dall’interno (noi stessi, non la fidanzata). In pratica la conoscenza degli altri si basa sulla conoscenza di sé: meglio si conosce se stessi, meglio si conoscono gli altri (da cui segue la ben nota superiorità degli egotisti).
Ora, la gente che non risponde alle mail perché è distratta, smemorata, impegnata o perché semplicemente non ha voglia, di solito non pretende che tu risponda immediatamente, invece chi non risponde perché ti considera una piccola fastidiosa zanzara vive nel terrore di essere considerato allo stesso modo. Magari tu non gli rispondi solo perché sei distratto, smemorato o impegnato, invece questi ti immaginano con l’aria infastidita mentre sposti la loro preziosissima mail nel cestino e poi spruzzi del ddt sul monitor. È questo pensiero che li fa impazzire ed è per questo che iniziano a tormentarti.
Spiegato questo, il Big Bang è una passeggiata.

ANCORA PRETI – EP.14 PESCATORE DI UOMINI


Voci: Guglielmo Favilla (Papa) e Fabrizio Odetto (parroco).
Doppiaggio: Paolo Armao.

Episodi pubblicati.

Prima stagione.

OLTRE I LIMITI

ANCORA PRETI – EP.13 PROSELITI


Voci: Guglielmo Favilla (Papa) e Fabrizio Odetto (parroco).
Doppiaggio: Paolo Armao.

Episodi pubblicati.

Prima stagione.

ANCORA PRETI – EP.12 HABEMUS PAPAM


Voci: Guglielmo Favilla (non prete) e Fabrizio Odetto (parroco).
Doppiaggio: Paolo Armao.

Episodi pubblicati.

Prima stagione.

ANCORA PRETI – EP.11 TRANSUSTANZIAZIONE


Voci: Guglielmo Favilla (non prete) e Fabrizio Odetto (parroco).
Doppiaggio: Paolo Armao.

Episodi pubblicati.

Prima stagione.

ESSERE UMANO, ISTRUZIONI PER L'USO

L'essere umano è un essere complicato, imprevedibile e per certi versi enigmatico, in estrema sintesi funziona così: se lo tratti bene è felice, se lo tratti male è infelice. Almeno questo è ciò che ho dedotto dopo molti anni di studi e osservazioni sul campo. Per esempio, cosa assai bizzarra, ho notato che quando gli dici "cretino" si offende.
In base a questi risultati, sono arrivato alla conclusione che le corrette modalità di utilizzo dell’essere umano sono le seguenti: se ti sta simpatico lo tratti bene, se ti sta antipatico lo tratti male. Incredibile, vero? Sono certo che il premio Nobel è dietro l'angolo. Questo è il comportamento più semplice e diretto che si possa avere nei confronti degli altri, comportamento che in figura è rappresentato dalla retta dell'ovvio: più ami una persona più la tratti bene, più la odi più la tratti male. Nell’origine degli assi c’è l’indifferenza per chi ti è indifferente.


Si noti che "ovvio" non va inteso come "ovvio", bensì come "ciò che sarebbe ovvio". Esistono infatti varie deviazioni da questo comportamento, tutte ben rappresentate in natura. Per esempio c'è chi tratta bene chi detesta, magari perché spera di avere qualcosa in cambio o forse, chissà, perché vuole solo distrarlo mentre cerca di rubargli il portafogli. Possono essere tanti i motivi per cui la gente decide di umiliarsi. Costoro si pongono nel quadrante in alto a sinistra del grafico e in gergo tecnico sono chiamati "leccaculo".
C'è poi chi, al contrario, tratta male chi apprezza. Questo è un comportamento che può lasciare perplessi: quale giovamento si può trarre dal trattare male (e dunque allontanare) chi apprezziamo (e dunque vorremmo vicino)? In realtà tutto ciò trova una facile spiegazione se si tiene presente che costoro sono idioti. È vero, c'è anche chi tratta male per scherzo, in questo caso si parla di idioti per scherzo. Queste persone, per scherzo o sul serio, popolano il quadrante in basso a destra del grafico e sono in numero confrontabile con quelle che popolano il quadrante dei leccaculo. Molti li popolano entrambi, cioè trattano bene chi disprezzano e male chi apprezzano, in questo caso si parla di leccaculo idioti. Simpaticissimi.
Oltre a questi due comportamenti appena menzionati, ce ne sono altri che deviano dalla retta dell'ovvio, anche se in modo meno eclatante. Su questi non ho intenzione di dilungarmi, mi limito solo a indicarli nelle corrispondenti zone del grafico Gentilezza - Amore.


ANCORA PRETI – EP.10 VIRTÙ TEOLOGALI


Voci: Guglielmo Favilla (non prete) e Fabrizio Odetto (parroco).
Doppiaggio: Paolo Armao.

Episodi pubblicati.

Prima stagione.

L'INCROCIO

ANCORA PRETI – EP.9 LA TEIERA DI RUSSELL


Voci: Guglielmo Favilla (non prete) e Fabrizio Odetto (parroco).
Doppiaggio: Paolo Armao.

Episodi pubblicati.

Prima stagione.